Our Blog

0

Smontati i ponteggi che “rivestivano” da anni l’edificio sito in Piazza Duomo di Caserta

Oliva Costruzioni & Servizi Srl, lavorando a stretto contatto con gli architetti della Soprintendenza dei Beni Culturali di Caserta e con l’ufficio tecnico di Roma di Poste Italiane ha impiegato circa 8 mesi per riportare al suo antico splendore le facciate dell’edificio.

Autentico gioiello del patrimonio culturale di Caserta, il “Palazzo delle Poste” fu costruito su progetto dell’Ing. Vincenzo Memma ed inaugurato nel 1925 per essere sede delle Rege Poste Italiane a Caserta, situato tra piazza Duomo e piazza Ruggiero e via Redentore si sviluppa su di una pianta classica a tre lati con cortile interno, di stile ad influenza neoclassica e di recupero storicistico con elementi liberty.

In facciata l’attacco a terra è costituito da zoccolatura in pietra, oltre a bugnature ad intonaco fino al primo solaio. Gli altri due piani dell’edificio presentano in facciata lesene sormontate da capitelli situate tra membrature orizzontali correnti sull’intero perimetro del fabbricato.

Prima di procedere con l’intervento di riqualificazione dei prospetti sono stati fatti, su dei campioni prelevati in sito, dei saggi stratigrafici al fine di individuare l’esatta composizione fisica e chimica dell’intonaco e delle pitture presenti in modo da produrre malte e pitture, a base di calce, dello stesso tipo usate durante la costruzione dell’edificio.

Sono stati quindi spicconati sia gli intonaci incoerenti sia quelli che erano di epoche recenti (premiscelati a base di cemento) oltre la raschiatura di tutte le pitture a quarzo.

L’intervento quindi è consistito nel ripristinare con malta di calce i cornicioni e le mostre sagomate servendosi di modini ricavati dalle sagome esistenti, con risarcitura ove necessaria della struttura muraria di ancoraggio con l’uso di perni, barre filettatte anche in resina.

Le superfici piane tra trabeazione e trabeazione, lesena e lesena e bugnato liscio sono state ricostruite ad intonaco a calce rispettando il protocollo della Weber, fornitore esclusivo dei materiali, che prevede i seguenti livelli di operatività: rinzaffo con Weber TM, Intonaco con Weber TS e Weber calce finitura. Anche le opere di tinteggiatura sono state realizzate con prodotti a calce della Weber.

news_poste_settembre_1
news_poste_settembre_2
news_poste_settembre_3

 

Napoli, Settembre 2016

 

 

 

 

Comments ( 0 )

    Leave A Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *